Sono mamma!

Cause, sintomi, trattamento e prevenzione della calcificazione

Il compito più importante di applicare la diagnosi ecografica (ultrasuoni) durante la gravidanza è studiare la struttura e lo spessore della placenta. La placenta viene talvolta chiamata "luogo del bambino", perché nutre il feto e crea tutte le condizioni necessarie per la sua normale crescita e sviluppo. Attraverso di essa arriva il nutrimento della madre. Inoltre, funge da barriera protettiva per il futuro bambino, creando un ostacolo alla penetrazione di infezioni, veleni, tossine e altre sostanze nocive dal sangue della donna nell'utero.

Norme e deviazioni

Cause, sintomi, trattamento e prevenzione della calcificazione

Fino a 30 settimane (meno frequentemente - fino a 27), la placenta è caratterizzata da una struttura omogenea, liscia e senza inclusioni. La comparsa di inclusioni iperecogene nel tessuto indica un grado sufficiente di maturità della placenta.

Queste inclusioni sono chiamate calcinati e compaiono principalmente nella settimana 30-32, poco prima della nascita. Se ciò è accaduto prima, è considerato un processo patologico chiamato calcinosi.

I calcinati nella placenta, che compaiono prima delle 27-30 settimane, sono raramente considerati come una caratteristica individuale e una norma peculiare. Soprattutto se la struttura del tessuto è estremamente eterogenea e le inclusioni di unità sono veloci "Multiply".

In effetti, la calcificazione è considerata come invecchiamento precoce "Il posto del bambino", che è atipico per una donna incinta in buona salute. La maturità della placenta è normale immediatamente prima del parto, quando la sua naturale rimozione dal corpo non è lontana. Se questo accade prima della scadenza, la gravidanza di una donna è considerata patologica e la paziente stessa può essere immediatamente ricoverata per ulteriori trattamenti e preservazioni.

Da dove vengono i calcinati nella "giovane" placenta?

La placenta disomogenea con calcificati, trovata in una data tardiva, non è motivo di preoccupazione. Tuttavia, se la formazione di calcoli è iniziata prima, cioè a 27-30 settimane, il medico dovrebbe porre il paziente sotto stretta supervisione.

Cause, sintomi, trattamento e prevenzione della calcificazione

Come è noto, la placenta è un organo con eccellente afflusso di sangue. Dopo tutto, è lui che porta il sangue fresco, arricchito con ossigeno e sostanze nutritive al feto in via di sviluppo. Se un processo patologico si verifica nel corpo di una donna incinta, con conseguente restringimento dei vasi sanguigni e dei capillari, allora le aree che sono dotate di sangue nutriente possono smettere di funzionare e iniziare semplicemente a morire.

È sul luogo delle navi danneggiate che si depositano sali di calcio, cioè la formazione di calcificati.

Poiché la morte dei siti placentari sopprime la sua permeabilità, le funzioni naturali di questo organo sono anche irreversibilmente disgregate e le fasi del normale sviluppo fetale diventano discutibili.

I principali fattori stimolanti per lo sviluppo della calcificazione della placenta sono:

  • Le abitudini avvincenti di una futura mamma (speciale, "Leading" posto sulla loro lista vale la pena dare fumo attivo);
  • Infezioni urogenitali (in particolare, infezioni sessualmente trasmissibili e malattie sessualmente trasmesse);
  • Altre patologie di genesi infettiva, trasferite nel processo di gestazione;
  • Malattie croniche non infettive degli organi interni in una donna incinta;
  • Grave gestosi nei periodi successivi;
  • Anemia pronunciata (anemia) nella madre;
  • Malattie sistemiche (patologie del sistema endocrino, cardiovascolare, respiratorio e urinario);
  • Alcune patologie dell'utero (mioma, endometriosi, anomalie dello sviluppo).
Cause, sintomi, trattamento e prevenzione della calcificazione

I singoli calcoli nel tessuto placentare non si manifestano nella vita di tutti i giorni e durante la gravidanza.

Sono identificati solo durante uno studio ecografico casuale o pianificato. La placenta con più calcificazioni si manifesta necessariamente come caratteristiche caratteristiche. Prima di tutto, una donna può notare cambiamenti nei movimenti del feto - diventano troppo affilati e attivi o fortemente indeboliti.

Poiché la salute del bambino nell'utero si deteriora bruscamente, il battito cardiaco fetale è rotto, che può essere rilevato durante CTG (cardiotocografia). Il bambino ha la tachicardia o una bradicardia. Anche la donna incinta inizia a sentirsi male. In alcuni casi, alle donne in questa condizione viene diagnosticata una gestosi tardiva.

Rilevando la struttura eterogenea della placenta con i calcoli, la supervisione dell'ostetrico-ginecologo solleva la questione della conservazione dei farmaci in un ordine individuale, a seconda dei fattori e dei disordini adiacenti.

complicazioni

Dovresti capire che una tale violazione come l'invecchiamento precoce della placenta può portare a una serie di gravi complicazioni per te e il feto:

Cause, sintomi, trattamento e prevenzione della calcificazione
  1. Ipossia acuta (carenza di ossigeno, che è la causa di molte malformazioni congenite e anomalie fisiche);
  2. Insufficienza fetoplacentare con le sue conseguenze caratteristiche;
  3. Sbiadimento o interruzione spontanea della gravidanza;
  4. nati morti;
  5. Disturbi dello sviluppo intrauterino del bambino.

Come si può vedere dalla lista, "Effetti collaterali" la calcificazione può diventare fatale per te e la tua famiglia.

Pertanto, se in precedenza avevi una diagnosi del genere, ma lo specialista della supervisione non si degnava di prendere misure adeguate contro di lui e il tuo stato di salute si stava sistematicamente deteriorando, ha senso cercare immediatamente un aiuto qualificato da un medico di terze parti.

Diagnostica differenziale

Al fine di adottare misure terapeutiche razionali, il medico deve individuare la causa, che ha comportato calcificazione nella placenta per un periodo di 27-32 settimane e prima.

Per determinare la causa esatta del problema, avrai bisogno delle seguenti manipolazioni diagnostiche:

Cause, sintomi, trattamento e prevenzione della calcificazione
  • Analisi generale e biochimica del sangue / delle urine;
  • Macchia sulla flora (vaginale), o bakpos;
  • Ricerca su STD e STD (diagnostica PCR);
  • Rilevazione di malattie del complesso TORCH;
  • Doppler;
  • CTG (cardiotocografia) del feto;
  • Esame ecografico in dinamica;
  • Obiettivo consultazioni supplementari di specialisti altamente specializzati.

Determinare la causa della calcificazione è una parte importante della sua terapia adeguata. Solo in questo caso, il fattore provocante specifico può essere completamente eliminato, il che significa che la donna sarà protetta in modo affidabile dalla progressione del disturbo e dallo sviluppo di patologie anormali.

Come viene trattata la calcificazione della placenta?

Supponiamo che ti sia stata diagnosticata una placenta del terzo grado di maturità con calcinanti e che il parto non sia il più vicino possibile. In questo caso, lo specialista ti indirizza necessariamente verso i test e gli studi sopra indicati per determinare la causa esatta della calcificazione.

A seconda di ciò che è stato la causa della formazione precoce delle calcificazioni, ti verrà assegnata una terapia appropriata:

Cause, sintomi, trattamento e prevenzione della calcificazione
  • Trattamento antivirale o antibatterico per i processi infettivi adiacenti (ricorda - qui l'autotrattamento è inappropriato ed estremamente pericoloso, dal momento che la maggior parte degli antibiotici "tradizionali" sono severamente proibiti durante la gravidanza!);
  • Vitaminotherapy (la ricezione di complessi prenatali specifici è anche prescritta dal dottore in ordine personale);
  • Terapia delle malattie extragenitali sotto lo stretto controllo di uno stretto specialista;
  • Terapia della gestazione tardiva, a seconda dei sintomi e del quadro clinico;
  • Terapia di tono e ipertensione dell'utero (se presente);
  • Ammissione di sedativi morbidi e neutri (il più delle volte a base vegetale);
  • L'uso di droghe, la cui azione è finalizzata all'ottimizzazione del flusso ematico placentare-uterino;
  • Ricezione di preparazioni di ferro (se necessario trattamento adeguato e parsimonioso di anemia);
  • Un rifiuto categorico da parte della madre di cattive abitudini (in particolare, il fumo).

Le misure preventive dovrebbero includere:

Cause, sintomi, trattamento e prevenzione della calcificazione
  1. Tutto lo stesso rigetto categorico delle cattive abitudini (idealmente dovrebbe avvenire prima del concepimento, ma se la fecondazione non è pianificata, è importante smettere di fumare e limitare il consumo di alcol subito dopo la gravidanza è confermata);
  2. Trattamento tempestivo delle patologie correlate (in particolare, extragenital);
  3. Terapia delle malattie croniche nel corpo;
  4. Ricerca su malattie complesse di STI, STD e TORCH nella pianificazione del concepimento;
  5. Nutrizione razionale durante la gravidanza;
  6. Ricezione di complessi vitaminici e minerali prenatali (solo su appuntamento dell'esperto supervisore).

La protezione tempestiva di te e del tuo bambino dalle patologie ostetriche è la chiave per una maternità felice. Siate sani e lasciate che la vostra gravidanza porti solo emozioni positive!

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

− 2 = 1